Via Bernardo Quaranta n. 45 Milano

Tel. 389 492 8564

Avvocato Beatrice Lizzio

Via Bernardo Quaranta n. 45 Milano

Tel. 0249584601

Privacy

Contatti

Social

Privacy

Social

Contatti

Dove trovarmi

Via Bernardo Quaranta n. 45 Milano

Tel. 389 492 8564

Avvocato Beatrice Lizzio

 

 

 

Avvocato Beatrice Lizzio

 

 

 

Via Bernardo Quaranta n. 45 Milano

Tel. 389 492 8564

Via Bernardo Quaranta n. 45 Milano

Tel: 0249584601 Mail: avvbeatricelizzio@gmail.com 

 


facebook
instagram
linkedin
whatsapp

facebook
instagram
linkedin
whatsapp

Impegno e professionalità a tutela dei diritti dell'uomo.

REATO DI FALSITA’ IDEOLOGICA IN ATTI COMMESSO DA ESERCENTI LA PROFESSIONE SANITARIA

09-12-2022 16:18

Beatrice Lizzio

REATO DI FALSITA’ IDEOLOGICA IN ATTI COMMESSO DA ESERCENTI LA PROFESSIONE SANITARIA

Il reato di falso ideologico commesso in atto pubblico è disciplinato dall’art. 479 c.p. secondo cui “Il pubblico ufficiale, che ricevendo o formando

Il reato di falso ideologico commesso in atto pubblico è disciplinato dall’art. 479 c.p. secondo cui “Il pubblico ufficiale, che ricevendo o formando un atto nell'esercizio delle sue funzioni, attesta falsamente che un fatto è stato da lui compiuto o è avvenuto alla sua presenza, o attesta come da lui ricevute dichiarazioni a lui non rese, ovvero omette o altera dichiarazioni da lui ricevute, o comunque attesta falsamente fatti dei quali l'atto è destinato a provare la verità, soggiace alle pene stabilite nell'art. 476”.


CARATTERISTICHE DEL REATO

-natura plurioffensiva in quanto tutelano non solo l’interesse pubblico alla veridicità ideologica di determinati atti ma anche ai soggetti privati in cui quel determinato andrà ad incidere;

-il bene giuridico della fede pubblica è individuato nella fiducia che la collettività ripone nella verità e genuità di determinati atti;

-per “falsità materiale” si intende quando vi è una divergenza tra autore apparente ed autore materiale del documento;

-nella definizione di “atto pubblico” sono ricompresi non solo quei documenti redatti con le prescritte modalità da un notaio o da un pubblico ufficiale autorizzato a dar loro pubblica fede, ma anche quei documenti formati dal pubblico ufficiale o dall'incaricato di pubblico servizio nell'esercizio delle proprie funzioni;

-si tratta di un “reato di pericolo astratto” in quanto non è necessario alcun evento dannoso  né un accertamento riguardo alla pericolosità concreta dell’atto.

La Suprema Corte alla luce della sentenza n. 30523/2021 emessa dalla Quinta Sezione penale, ha affermato il principio di diritto per cui “ai fini della configurazione del dolo del delitto di falso ideologico in atti pubblici in capo al medico è necessario accertare la consapevolezza e volontà di rendere una dichiarazione non veritiera, rimanendo irrilevante il movente che abbia spinto il sanitario a rendere la falsa attestazione”.

Nelle false dichiarazioni in atti pubblici il dolo deve essere accertato tenendo conto delle circostanze del caso concreto e delle modalità esecutive dell’azione che dimostrano la coscienza e volontà da parte dell’agente di rendere false dichiarazioni.

Dunque alla luce di ciò il medico può essere condannato per falso ideologico solo se le difformità rispetto al vero risultanti dalla cartella clinica siano accompagnate dal consapevole e volontario scopo di rendere la falsa dichiarazione.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder