Via Bernardo Quaranta n. 45 Milano

Tel. 389 492 8564

Avvocato Beatrice Lizzio

Via Bernardo Quaranta n. 45 Milano

Tel. 0249584601

Privacy

Contatti

Social

Privacy

Social

Contatti

Dove trovarmi

Via Bernardo Quaranta n. 45 Milano

Tel. 389 492 8564

Avvocato Beatrice Lizzio

 

 

 

Avvocato Beatrice Lizzio

 

 

 

Via Bernardo Quaranta n. 45 Milano

Tel. 389 492 8564

Via Bernardo Quaranta n. 45 Milano

Tel: 0249584601 Mail: avvbeatricelizzio@gmail.com 

 


facebook
instagram
linkedin
whatsapp

facebook
instagram
linkedin
whatsapp

Impegno e professionalità a tutela dei diritti dell'uomo.

Impegno e professionalità a tutela dei diritti dell'uomo.

DECRETO RAVE - PARTY

09-11-2022 15:32

Beatrice Lizzio

DECRETO RAVE - PARTY

Il “decreto rave party” ha inserito all’interno del Codice penale l’art. 434 – bis , denominato “Invasione di terreni o edifici per raduni pericolosi

 

Il “decreto rave party” ha inserito all’interno del Codice penale l’art. 434 – bis , denominato “Invasione di terreni o edifici per raduni pericolosi per l’ordine pubblico, o l’incolumità pubblica o la salute pubblica”, che punisce i raduni illegali, ovvero raduni in cui partecipano più di 50 persone che occupano abusivamente terreni o edifici per organizzare eventi in cui può derivare pericolo per l’ordine pubblico, l’incolumità pubblica o la salute pubblica.

La norma prevede per gli organizzatori la reclusione da 3 a 6 anni e la multa tra 1.000 e 10.000 euro, mentre per i partecipanti la pena viene diminuita. Inoltre è prevista anche la confisca di tutto il materiale che viene utilizzato durante il raduno non autorizzato.

 

Ma cosa sono i rave party?

I rave-party consistono in un raduno non autorizzato e clandestino dove solitamente partecipano giovani, e si viene a conoscenza del luogo poche ore prima dell’inizio dell’evento.

Alla luce della nuova norma quali sono le problematiche da risolvere?

 

il delitto non parla espressamente di rave, dunque vi è il rischio che potrebbero essere puniti anche i partecipanti all’interno di una manifestazione pacifica;

la norma è “scritta male”, in quanto non è evidente il momento consumativo del fatto di reato;

all’interno del codice è già presente una fattispecie di reato di invasione di terreni o edifici;

la pena è sproporzionata, in quanto la pena è più alta rispetto ad altri reati come ad es. lesioni personali.

 

 

Inoltre la nuova norma appare in contrasto con l’art. 17 della Costituzione che regola la “libertà di espressione del pensiero e di manifestazione pubblica”, secondo cui “i cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi.

Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica”.

Alla luce di ciò vedremo quali saranno le modifiche che il Governo intende applicare alla norma.

 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder